Visualizzazione post con etichetta Giorgia Atzeni. Mostra tutti i post
Visualizzazione post con etichetta Giorgia Atzeni. Mostra tutti i post

martedì 24 aprile 2012

Il libro come “oggetto di visione”

La mostra, curata da Giorgia Atzeni (che a voi, come a noi, è più nota come illustratrice e instancabile animatrice della scena culturale cagliaritana) e Barbara Cadeddu in sinergia con la biblioteca che l’ha ospitata nella splendida Cappella tridentina, propone una selezione di trentuno volumi figurati del Quattrocento e del Cinquecento. 
La mostra è il risultato di due anni di ricerca che ha prodotto anche un saggio bibliografico: Letteratura e immagini in tipografia. Il libro illustrato in Sardegna nei secoli XV e XVI offre un significativo repertorio iconografico utile alla conoscenza della cultura figurativa del Rinascimento attraverso i volumi presenti nell’Isola.
Essendo fanaticamente appassionati di libri antichi figurati e consapevoli della forte relazione che lega la tradizione iconografica storica ai picture book di oggi, abbiamo chiesto alle curatrici di condividere con noi e con voi alcune loro considerazioni.

[di Giorgia Atzeni e Barbara Cadeddu]


Le autrici del post all'inaugurazione della mostra.
Tra i secoli XV e XVI, si andò affermando l’uso di inserire le figure nei libri: l’illustrazione, infatti, venne intesa dagli editori come strategico paratesto, in grado di conquistare i lettori e assicurare il buon successo commerciale dei volumi. Il libro a stampa non va infatti inteso solo come veicolo della cultura letteraria, ma anche nella sua veste di “oggetto di visione”, un contenitore di immagini incise, portatore di modelli e fonte d’ispirazione per gli operatori artistici; offre, inoltre, lo spunto per delineare il percorso storico delle arti e tecniche a esso collegate e della loro trasmissione. Negli ultimi decenni del Quattrocento, le innovazioni figurative trovarono spazio nei corredi librari più che nei fogli sciolti: l’illustrazione fu un campo fertile per il progresso delle tecniche e degli stili; attraverso la sua pratica gli artisti entrarono in più stretto contatto con il mondo dell’Umanesimo, con gli autori e gli editori, dando vita a un nuovo orizzonte d’immagini.

Uno dei monumenti bibliografici in mostra, l'opera virgiliana
stampata a Lione nel 1526.
Fermamente convinte che le raffigurazioni impresse a fronte del testo letterario integrino la parola e diano un valore aggiunto alla scrittura, rendendo unica la pagina letteraria, ci siamo impegnate per rendere accessibile questo tesoro nascosto alla cittadinanza cagliaritana e non solo.

Il primo dato significativo è rappresentato dalla quantità di volumi figurati presenti alla Biblioteca Universitaria: circa 5238 incunaboli e cinquecentine, di cui 1934 illustrati. Questo pregevole fondo antico è costituito dalla biblioteca privata di re Carlo Emanuele III di Savoia e da fondi acquisiti a seguito della soppressione dell’Ordine dei Gesuiti nel 1773.

L'Anatomia di Berengario da Carpi, in un'edizione
veneziana stampata nel 1535.
I libri provengono dai maggiori centri editoriali dei secoli XV e XVI, quali Venezia, Roma, Firenze, Lione, Parigi, Basilea, Colonia, Anversa e Francoforte, ma anche da centri minori, come Vico Equense e Cagliari, città in cui la prima tipografia stabile s’impianta solo nel 1566.

L’analisi critica degli esemplari ha permesso l’identificazione sia di monogrammi, immediatamente riconducibili ad artisti di calibro, sia di cifre stilistiche tali da permettere l’attribuzione dei cicli figurativi esaminati a specifici milieu culturali.

Visitatori concentrati la sera dell'inaugurazione.
Spesso le tavole sono anonime e frutto di operazioni collaborative: al delineator o inventor spetta il disegno iniziale, mentre allo sculptor l’intaglio dell’immagine sulla matrice lignea o l’incisione, per esempio a bulino, su quella calcografica. La conseguenza è la scarsità di notizie sugli incisori dovuta anche alla mancanza di firme sulle stampe: l’anonimato ricorre, infatti, nella maggior parte delle incisioni esaminate.

È il caso di uno dei primi volumi interamente illustrati nella storia del libro italiano, le Discordantiae sanctorum doctorum Hieronymi et Augustini (Roma, 1481), che fissa le iconografie di dodici profeti e altrettante sibille, portatrici delle coeve espressioni dell’arte italiana maggiore, con lontane ascendenze donatelliane o castagnesche, fonte di modelli figurativi per gli artisti del momento. Ma anche del Supplementum Chronicarum del 1492, aperto da un frontespizio raffigurante “I giorni della Creazione” in cui illustrazione e decorazione si fondono armonicamente, seguito da due tavole a mezza pagina (vedi sotto: Adamo ed Eva cacciati dal paradiso terrestre e Caino e Abele, anche qui da un’edizione volgarizzata coeva) in cui si riscontrano forti analogie con la produzione pittorica dei grandi artisti veneziani della fine del Quattrocento.


Resta anonimo anche lo xilografo che illustra l’edizione della Calandra (Venezia, 1526 - vedi sotto). Le tavolette multi-episodiche, caratterizzate da un intaglio semplice ed essenziale, ma ombreggiate da fitti tratti diagonali, presentano un linguaggio assimilabile a quello di incisori operanti nella laguna nello stesso giro d’anni.


Oltre alla presenza di artisti dai profili biografici poco definiti, ma di qualità riconosciuta, come il cosiddetto Maestro del Virgilio di Grüninger, comunque, abbiamo rilevato anche nomi eccellenti, come Albrecht Dürer, probabilmente coinvolto con il suo maestro Michael Wolgemut e Hans Pleydenwurff nel ciclo del Liber Chronicarum di Hartman Schedel (vedi sotto).


È invece accertata la mano di Hans Sebald Beham nelle Biblicae Historiae, unico volume della collezione in coloritura coeva (vedi sotto, ma anche un altro esemplare, sfogliabile, qui).


E si individua il tratto inconfondibile dello svizzero Jobst Amman, xilografo e acquafortista, che firma il Von Kayserlichem Kriegsrechten (vedi sotto, ma anche un esemplare venduto da Christie’s qui).


A volte gli operatori grafici collaborano in squadra a grandi progetti editoriali, come nel caso della Cosmographia universalis di Sebastian Münster, all’Universitaria in lingua francese (parzialmente consultabile qui), nelle cui tavole è possibile riconoscere le sigle di ben sette xilografi: Hans Holbein il giovane, Urs Graf, David Kandel, Jakob Clauser, Heinrich Holzmüller e Christoph Schweicker o Stimmer, il monogrammista HSD, e Hans Rudolph Manuel “Deutsch”; e in quello delle Humanae salutis monumenta, edite dal Plantin nel 1571, che vede all’opera Crispin van der Broeck, Pieter Huys, Pieter van der Borcht e i fratelli Jean, Jerome e Anthoine Wierix (vedi sotto).


Tra gli incisori italiani, invece, troviamo i nomi insigni di Lucantonio degli Uberti, Matteo Pagano da Treviso, Mario Cartaro, ma anche di altri meno conosciuti, come Girolamo Gaieta che sigla, con una certa consapevolezza del proprio ruolo di sculptor, le tavole della Decada de la Passion di Juan Coloma, per i tipi di Nicolò Cañelles, canonico cui dobbiamo la prima officina tipografica stabile in Sardegna, presso il quale il Gaieta aveva un ruolo di factotum (vedi sotto).


Ai nostri fini, più che per eccezionalità bibliografica, vale la pena di segnalare la presenza di un’edizione del De Humana Physiognomonia scritta dal drammaturgo napoletano Giovanni Battista Della Porta per i torchi dell’editore aquilano Giuseppe Cacchi, uscita nel 1586 a Vico Equense (molto, interessante materiale iconografico si trova qui, inserito in cornici insopportabilmente brutte).


L’opera analizza le varietà fisionomiche dell’uomo, individuandovi corrispondenze con quelle animali attraverso un ricco corredo di immagini costituito, per la maggior parte, dall’accostamento di volti umani e fattezze di animali che dimostra la somiglianza e le analogie caratteriali, secondo il principio dello zoomorfismo.


In qualche modo, il volume anticipa le teorie lombrosiane e, se pensiamo alla produzione editoriale dei nostri giorni, è precursore di quel bell’albo Ritratti famosi di comuni animali, di Svjetlan Junakovic, edito dalla spagnola OQO in edizione originale e riproposto in Italia da Logos. Siete d’accordo con noi cari Topi?


Noi siamo, incontestabilmente, d’accordo con voi, care ricercatrici.

[Le foto sono di Gianni Atzeni, che ringraziamo per avercele messe a disposizione]

giovedì 26 maggio 2011

Al circo per imparare

[di Giorgia Atzeni]

Nel vortice di una folata di maestrale, il Circo volante è atterrato a Cagliari il 13 maggio. In scena all'Exmà (Ex Mattatoio) del capoluogo sardo, i personaggi del circo, vecchio e nuovo: l’uomo forzuto e la donna cannone, funamboli, equilibristi su trampoli e monociclo, trapezisti, mangiafuoco, contorsionisti e lanciatori di coltelli.

Il Festival - ideato dall’Associazione FogliVolanti, della quale faccio parte -, una novità nel panorama delle manifestazioni culturali locali, è nato dalla volontà di Riccardo Tanca, ingegnere-giocoliere, di promuovere e diffondere la pratica delle arti circensi (giocoleria, equilibrismo, acrobatica, clownerie) come strumento pedagogico, fra i bambini e i ragazzi dell’Isola. Secondo Tanca, infatti, «chi pratica fin da bambino le discipline circensi acquista confidenza con se stesso e con il prossimo. In particolare, la giocoleria aiuta i più piccoli ad allenare il cervello, ma anche a rilassarsi nei momenti di stress. Gli effetti positivi di queste pratiche si ripercuotono anche nell’apprendimento di contenuti nelle materie scolastiche.»
Riccardo Tanca, ideatore della manifestazione,
intrattiene i “suoi” bambini con uno spettacolo di giocoleria
Nel lungo fine settimana,  oltre ai laboratori di giocoleria, trampoli, monociclo, clownerie (condotti da operatori locali, fra cui Luca Gasole e Pietro Olla), si sono tenuti incontri con storici dell'arte, visite guidate e letture di favole tratte dalla bibliografia tematica più recente, spettacoli di teatro di strada con Andrea Tiana e Rosella Manconi, Cristian De Logu, Alessandro Castiglia.
Bambini in visita alla mostra “Il circo senza animali”

E due artisti internazionali hanno allietato il folto pubblico, particolarmente curioso e attento: l'argentina - italiana di adozione - Gabi Corbo, con i due spettacoli, Il postino e Tan-go, in cui si intrecciano poesia e sogno tra verticali, equilibrismi e pertica cinese; e il danese Mr Toons, in scena con The professional Idiot, in cui monociclo, giocoleria e comicità ad alta velocità trascinano verso un travolgente numero finale in cui il protagonista gioca abilmente con un pallone gigante gonfiato da un aspirapolvere, lasciando tutti a bocca aperta.
Lo spettacolo di Mr. Toons
Il Festival è stato anche l'occasione per una mostra di illustrazione: Il circo senza animali, allestita da mio padre, Gianni Atzeni, nella Sala delle volte, con il contributo di settantadue illustratori da varie parti del mondo, ai quali abbiamo chiesto di  raccontare un circo più umano.

Francesco Zito
Chiara Dattola

Hanno risposto all'invito alcune tra le firme più interessanti dell'illustrazione nazionale e internazionale, come il parigino Serge Bloch, che espone una tavola tragicamente ironica in cui è il cane a domare l'uomo nel “Circo della vita”; o Morteza Zahedi, che da Tehran ci ha spedito un curioso gatto che corre sugli skate.
Serge Bloch
Simone Rea

Tra gli italiani, Nicoletta Costa, Giulia Orecchia, Pia Valentinis, Alessandro Sanna e i giovanissimi (ma già affermati) Olimpia Zagnoli, Giulia Sagramola e Roberto La Forgia. Con una carrellata di funamboli, hanno partecipato Francesco Zito e Francesca Assirelli; Daria Palotti con uno splendido notturno sulla via verso il tendone; Ilaria Faccioli e Maria Sole Macchia con la loro idea di piccolo circo; Cristiana Cerretti con una coniglia acrobata sui tessuti; Simone Rea con “L’uomo che voleva diventare una scimmia”; Chiara Dattola con una “Matrioska” di clown giocolieri; Philip Giordano con un pesce al guinzaglio di uno strano giullare mascherato; Paolo Cardoni, con l'immagine emblematica di un pubblico di animali che assiste a uno spettacolo circense.


Giulia Sagramola
Ignazio Fulghesu

Tra gli stranieri si distinguono Magali Le Huche, che presenta un'immagine tratta dal suo bellissimo Hector, extraordinairement fort (Didier jeunesse); la portoghese Joana Rosa Bragança, con i suoi curiosi equilibristi; l'argentina Cecilia Varela, con una illustrazione dal tono surrealista in cui strani personaggi sputano fuoco tra tazzine che fuggono; e l’americano David Miller, con un polpo funambolo che ha il volto di Gina Lollobrigida. (Qui l’elenco completo degli illustratori che hanno partecipato alla mostra.)
Morteza Zahedi

Philip Giordano

Ci sono poi stati sono i creatori di pupazzi, come Cecilia Viganò, Stefania Garuti, Laura Contemori e Paola Colombo. E un folto manipoli di miei conterranei, come Eva Rasano, Valeria Valenza, Daniela Chillotti alias Dù, Aurora Cacciapuoti, Ignazio Fulghesu, Tellas e Maria Chiara Aresti.

Un primo appuntamento, che già si impone per il numero di presenze: i più piccoli si sono divertiti a disegnare (anche loro) il circo senza animali e ad attaccare post it sotto la loro illustrazione preferita e gli adulti, a dispetto dell'età, hanno provato a fare un giro sui trampoli. Paradossi di un'epoca in cui è sempre più difficile staccare i bambini dalla Playstation e allontanare dalle menti dei genitori l'incubo della crisi e lo stress quotidiano: tutti all’aria aperta sotto il cielo sereno della Sardegna.

Bambini alla mostra

Sui trampoli
La mostra si è chiusa sabato scorso. Ma il maestrale soffierà di nuovo: mi piacerebbe che portasse il Circo volante “senza animali” in altre città italiane. Sto lavorando perché questo nuovo sogno possa avverarsi.