giovedì 7 ottobre 2010

Ma cosa fanno gli illustratori quando non disegnano?

Gli altri, non sappiamo.
Ma Simone Rea fa la porchetta, i panini con il prosciutto, dei gran piatti di mozzarella, coppiette, pecorino, olive.
Se vi è venuta fame, passate a trovarlo nella sua rustica fraschetta (ma rustica-rustica, non rustica-tipica). Apre alle sette del mattino. Chiude verso le undici di sera.  Se Simone non c'è, c'è suo fratello. (E Simone c'è solo mezza giornata. L'altra mezza, disegna).
Il posto si chiama Km 8.700 e si trova in via Nettunense 58 a Cecchina - Albano Laziale: in pratica, prendete l'Appia nuova, passate l'aeroporto di Ciampino, passate Cava dei selci e, subito dopo, prima che cominci la salita per Castelgandolfo, lasciate l'Appia nuova e prendete la Nettunense. Da qui non vi potete sbagliare: basta avere pazienza e ci arrivate.
Noi ci siamo stati: non sono tre stelle Michelin, ma ce lo ricordiamo volentieri e ci torneremo altrettanto volentieri. 
Abbiamo solo una rimostranza da presentare: «Simo', la pizza rossa nun ce l'hai fatta assaggià! Nun se fa 'ccosì.»

4 commenti:

simone rea ha detto...

Ah ah! La pizza rossa è talmente buono che verso l'ora di pranzo finisce e voi purtroppo siete arrivati un po tardino..:)

Alicia Baladan ha detto...

Se Simone fa la porchetta come le illustrazioni, allora bisogna proprio andare ad assaporarla!

Sraddino ha detto...

Non essendo un artista ... tra le due cose io preferisco la pizza rossa ahahah!
Grande Simone!!! Spero però che presto la sua unica attività diventi l'illustrazione perché il mondo ha più bisogno del suo talento nel disegno che nel taglio del crudo!

Anna ha detto...

Di Simone Rea non ce n'è due. Talentuoso, fine, intelligente e ora che ho scoperto che sa anche fare la pizza e la focaccia lo eleggo a mio mito personale.