giovedì 17 novembre 2011

I bambini leggono/2. Ferie per chiuso.


D’istinto, Nico apre i libri dal fondo, legge i numeri a due cifre da destra a sinistra e qualche volta ricorda le frasi al contrario: forse a quattro anni, da ambidestro, sta godendo di tutte possibilità dell’ordine bambino.

Ferie per chiuso, dunque, lo straordinario libro senza testo di Maja Celija, ci accompagna da circa due mesi, ogni sera prima di coricarci.
Da subito, i protagonisti del libro sono stati battezzati da Nico con nomi propri, che poi non sono più stati cambiati, com’è giusto che sia.

Così, noi adulti abbiamo dovuto memorizzarli per non essere corretti ogni volta. Avendo preso una simile confidenza con i protagonisti del libro, la narrazione si è dilatata nel tempo e nello spazio, ben oltre la porta aperta e le profondità dei bagagli chiusi della famiglia in procinto di andarsene, che si vedono nella prima immagine. Tutto ciò fa sì che la nanna tardi ogni sera di più ad arrivare, ma il fatto è che questo gioco è diventato entusiasmante per tutti.

Quando ho raccontato loro come mio figlio Nico legge Chiuso per ferie, i Topipittori, mi hanno chiesto di scrivere un post per la rubrica del loro blog I bambini leggono, da poco inaugurata, dedicata al modo in cui i bambini guardano e usano i libri. Il mio resoconto è una sintesi di quel che accade nella realtà: alcune immagini, alcuni passaggi narrativi che nel libro sono presenti, qui non li troverete.


Vi presento quello che per noi è Raul, il figlio minore di questa famiglia. Raul ha molte macchinine, il suo zaino ne è pieno e altre ne ha nel sacchetto di plastica (insieme a due mandarini: “Beeeh, che schifo, è sua mamma che vuole che li mangi”). La mamma, Elena, insiste perché si sbrighi, ma Raul pensa di aver dimenticato qualcosa. La famiglia è in partenza per andare qualche giorno dai nonni che vivono vicino al mare. La sorella di Raul porta una scatola piena di provviste: soprattutto latte, miele, formaggio duro, pistacchi e ovetti di cioccolato. Suo fratello vuole diventare maestro, così porta pochi vestiti e il computer perché dovrà studiare tutto il tempo. Il papà è molto indaffarato a trovare spazio per i bagagli: alcuni dovranno stare sotto il sedere dei passeggeri, dato che la loro auto non ha “la coda”.


Finalmente sono partiti! Il primo a uscire dalla fotografia è nonno Raimondo: vuole riabbracciare nonna Rita, che erroneamente è stata messa in un’altra foto. Pietro è un marinaio che non vede l’ora di tuffarsi in acqua: un tipo atletico. Riesce a saltare da sopra il mobile senza farsi male alle caviglie. Giovanni, che è più piccolo, lo ammira, però da grande vuole essere un pilota di auto da corsa. La sorella piccola di Giovanni si chiama Elisabetta, mentre quella grande Alessandra, fidanzata di Pietro. Toby è il cane di nonno Raimondo.


Dato che i nostri amici sono stati fermi per molto tempo, per sgranchirsi le ossa si dilettano in vari sport e, di tutti, il più competitivo è nonno Raimondo che però non vince mai perché la lunga barba gli s’impiglia sempre da qualche parte, impacciandolo.
Arrivati all’illustrazione che ritrae la partita di pallavolo, Nico puntualmente esclama: “Non è una palla, è una ciliegia, mangiamola!” Ogni giocatore, questa è la regola, darà un morso ogni volta che tocca la palla, dunque la partita finisce quando si arriva al nocciolo. Nonna Rita, però, previdente, ha diverse di ciliegie nascoste sotto la camicia (che fa anche da rete), perché le ciliegie sono talmente buone che finiscono subito.
Qui il racconto è accompagnato da alcuni ”Gnam!” di fondamentale importanza.


Nonno Raimondo ha una formidabile idea: rilassarsi al caldo è quel che ci vuole per prendere un po’ di colore. Non si vede, ma lo sportello del forno è aperto: “Non sono matti!” è il commento. In ogni caso, qui accade qualcosa di straordinario: i bambini diventano grandi, lievitano come la pizza, Giovanni tanto quanto Pietro, Elisabetta tanto quanto Alessandra. Elisabetta non ha voluto togliersi le scarpe per paura di non riuscire più a rimettersele, infatti, un pochino le fanno male, “si vede dagli occhi”.


I nostri amici perlustrano ogni angolo della casa. Elisabetta e Giovanni, nel frattempo tornati piccoli, scoprono insieme a Toby la cameretta di Raul. E vado a elencare “nell’ordine esatto” i bellissimi giochi: c’è il supereroe verde; la bambola gigante; un robot gigante; un orsetto gigante; un orsetto mezzano e un’altro piccolo vestito da femmina; un pinocchio enorme e un draghetto davvero strano, non tanto bello, ma che piace a Elisabetta e a Giovanni.


Forse piace loro perché ha le ruote: trainato dal cane Toby, che corre velocissimo, fa scorrazzare i bambini per tutta la casa.


È il momento di andare a nanna: dato che il gomitolo blu è il più bello, tutti lo vorrebbero, così nonna Rita per evitare litigi decide che nessuno lo userà. La notte, così, trascorre tranquilla, ognuno sistemato nel suo gomitolo di lana colorata.


Infine, arriva l’ora di tornare nelle fotografie. Toby ha sentito dei rumori, pare che qualcuno si stia avvicinando alla porta.
“Corri Giovanni, corri” grida Elisabetta a Giovanni che non vuole separarsi dal draghetto. Nonna Rita spiega che quell'animale è troppo grosso per stare nella fotografia: Giovanni deve lasciarlo lì.
Quando la famiglia entra in casa, nota il draghetto in mezzo alla stanza: è quello che Giovanni voleva portare nella foto dei nonni.
Durante le vacanze, la sorella di Raul è diventata piccola perché non ha mai voluto mangiare.
Ah, ecco: nell'ultima immagine si vede il papà di Raul. Si chiama Nicola, come l’amico del cuore che Nico ha a scuola.

7 commenti:

Ila ha detto...

Bellissimo.
Ci vorrebbe un evento, un ritrovo, un incontro in cui i grandi si fanno raccontare le storie dai bambini. E' molto più divertente!
E' bello vedere come, per un bambino, quello che un "tecnico" definirebbe un possibile "errore" (vedi la statura della sorellina che cambia), diventa invece un elemento narrativo interessantissimo! Anzi! Benvengano!

Bellissima lettura, Grazie Alicia e grazie Topi!

Ila

MAJA ha detto...

tinCara Alicia, stasera ho riso fino alle lacrime!
Bellissima questa lettura! La macchina che non ha la coda, i bambini che lievitano nel forno, la sorella di Raul che si è rimpicciolita perchè non voleva mangiare...insomma mi avete spogliato completamente:-)
un abbraccio a voi,
Maja

MAJA ha detto...

scusa Alicia sei Cara non tinCara. Anche a scrivere faccio errori.

Alicia Baladan ha detto...

Maja, hai fatto un libro stupendo.

ale riccio ha detto...

ciao Alicia, potenza nell'illustrazione e potenza nelle parole; mi sono messo a ridere a pensare a tuo figlio che legge per te; bene, molto bene, ale riccio

Topipittori ha detto...

Anna Castagnoli ci manda questo commento che volentieri pubblichiamo:
"Ho finito questo post in lacrime. Non dal ridere. Lacrime vere. Di colpo mi sono ricordata dell'infinita, infinita ricchezza che percepivo nelle immagini quando ero bambina: era proprio così, c'erano gomitoli preferiti, relazioni parentali, amici, cose che andavano al di là dell'immagine... storie. Leggendo il post mi sono resa conto che la mia mente e la mia immaginazione, crescendo, si sono atrofizzate. Nostalgia furiosa per un mondo vivo, guizzante, dove tutto è narrazione, messaggio, incanto, gomitoli caldi.
Alicia, grazie per questo doloroso frammento di memoria. Grazie di cuore anche a tuo figlio.

Ps: potete fare un manifesto di questo post per tutte le persone che dicono che i libri senza testo sono difficili da leggere?!

Alicia Baladan ha detto...

@Anna, :-) e un abbraccio.

@Ale, non sai quanto ridiamo noi, è un vero spasso. Per Nico pero, la cosa più bella è sentirsi raccontare la Sua versione, probabilmente è molto rassicurante.