martedì 7 febbraio 2012

Un bel signore alto e una biondina timida


El globito rojo - Un cuento de Iela Mari from Guillermo Vázquez on Vimeo.

Ieri pomeriggio abbiamo ricevuto questo messaggio. Che ci ha ricordato una cosa importante. Ci è piaciuto molto, sia per la cosa importante sia per come è scritto sia per lo spirito che infonde. Che poi è quello di chi l'ha scritto, cioè Loredana Farina. Una cara amica, con cui condividiamo parecchie cose e che ci ha autorizzati a pubblicarlo...

Cari amici,

La Libreria dei Ragazzi di Milano compie quarant’anni.

Bisognerebbe che fossi capace di raccontarvi come andavano le cose prima…
All’inizio degli anni Settanta i più bei libri per bambini e ragazzi – quelli entrati a farne la storia – erano già stati pubblicati quasi tutti: Piccolo blu e piccolo giallo, Il palloncino rosso, Sembra questo sembra quello, Federico, Nella nebbia di Milano, Nel paese dei mostri selvaggi, Flicts. Favole al telefono è del 1962. Ma, se volevi vederli tutti insieme questi libri (quasi tutti Emme), non sapevi mai dove trovarli.
C’erano le cartolibrerie che – quando andava bene – li mescolavano a matite e penne biro: sapore di scuola. C’erano le librerie di varia che – quando andava bene – li esponevano una volta l’anno per Natale: sapore di regalo impacchettato.
L’immagine che si aveva degli autori di questi libri e degli addetti ai lavori era quello di maestre in pensione e zie zitelle.
Ma un bel giorno - nel 1972 - a Milano, in via Tommaso Grossi, apre la Libreria dei Ragazzi, con affaccio su una delle vie più centrali della città e fra le più frequentate, grazie alle fermate di numerosissime linee tranviarie.
Era piena zeppa solo di libri per bambini e ragazzi: tutti libri coloratissimi, esposti di piatto sugli scaffali. E i libri erano tanti, proprio tanti! Sia al pian terreno che nella saletta al sottopiano cui si accedeva scendendo una scala a U.
E là sotto ne succedevano di tutti i colori.
Venivano organizzate presentazioni, incontri e dibattiti di volta in volta sempre più affollati. E a parlare venivano chiamate persone esperte e con gli occhi intelligenti che dicevano cose importanti, che scaldavano il cuore, su libri, ragazzi, scuola, società. Niente maestre in pensione. Niente zie zitelle.
I pionieri di questo posto erano un bel signore alto e bruno, molto gentile ed estroverso.
E una biondina timida, ironica, colta e con un bel caratterino.
Un posto dove uscire dalla clandestinità e dove incontrarsi a parlare di libri per ragazzi.
Un posto dove si respirava un’aria speciale e dove noi che ci occupavamo (e ci occupiamo)
di quei libri ci accorgevamo con sempre maggiore chiarezza che il nostro è un mestiere
di cui essere fieri. Un mestiere bellissimo.

Loredana Farina

5 commenti:

Ila ha detto...

Il "bel signore alto" è rimasto affascinante e affabile, un vero ContaStorie; la timida Biondina è meno timida, energica e piena di ironia. Due persone speciali.
Per un Luogo speciale, in cui sono stata, in cui sempre ritorno e che porterò sempre nel Cuore.

Buona compleanno Libreria :)

Ila

giovanna massironi ha detto...

vero, tutto vero

MammaMoglieDonna ha detto...

ma.. BUON COMPLEANNO!!!
e grazie per la lungimiranza!

Simona ha detto...

ciao, ho incluso il tuo blog nella mia lista per il premio "versatile blogger" :) http://simonadeleo.blogspot.com/2012/02/versatile-blogger.html

Teresa Porcella ha detto...

Le parole di Loredana regalano anche a chi, come me, per anagrafe e geografia non ha potuto beneficiare in modo diretto del lavoro di Roberto e Gianna, Resta che, a dispetto di geografia e anagrafe, in modo indiretto, ed efficacissimo, abbiamo beneficiato e ogni giorno ringraziamo per chi ha saputo aprire nuovi spazi al pensiero e all'infanzia.
GRAZIE E AUGURI!