mercoledì 11 maggio 2011

Uomini e altri animali

Domani, alla Casina di Raffaello, fra gli alberi secolari del parco di Villa Borghese, a Roma, aprirà la mostra di Simone Rea Uomini e altri animali.
Non è prevista una vera e propria inaugurazione, ma ci sarà una presentazione alla stampa (e a chi vorrà esserci) il 19 maggio, alle 11.00. La mostra, promossa dalla Provincia di Roma e dalla Camera di Commercio di Roma in collaborazione con la Tribù dei lettori e con i Topipittori, sarà aperta fino al 3 luglio.

L’esposizione va dalle prove di esordio alle tavole più recenti, come quelle realizzate per Le Favole di Esopo: un libro del quale abbiamo già parlato qui, e che potete acquistare qui.  Le illustrazioni di Simone si avvalgono di un segno del tutto originale, tecnicamente risolto, nutrito d’importanti esperienze figurative del passato come del presente, in un rimando di richiami che va dall'ironia icastica della pop art di Andy Warhol ai vividi cromatismi degli affreschi minoici, al simbolismo inquietante di Hieronymus Bosch. Della sua ricerca estetica, subito colpisce, non solo la maestria tecnica nell’uso delle linee e dei colori, ricche di citazioni dalla storia dell’arte del passato, ma soprattutto l’insolita scelta dei soggetti rappresentati. La selezione delle favole da illustrare, infatti, tra le oltre 400 opere di Esopo, è stata estremamente ricercata e ha portato a preferire, al fianco di quelle più note come “Il lupo e l’agnello” anche racconti meno conosciuti come “Le rane e il sole”.

Oltre che per godersi i meravigliosi originali, c’è un’altra, ottima ragione per visitare la mostra, o il laboratorio organizzato dalla Tribù dei lettori e dalla libreria Centostorie nella tenda di piazza san Giovanni Bosco il 27 maggio, alle 17.00: farsi dedicare un libro da Simone.


Per quanto possa sembrare poco, non lo è affatto. Ecco qualche esempio della straordinaria generosità di Simone nel disegnare le sue dediche.













[Le fotografie di Rossana Molfetta, che ringraziamo per la disponibilità e la pazienza, sono state scattate in occasione delle sessioni di dediche di Simone alla Fiera del Libro per Ragazzi di Bologna, alla Libreria Books di Genzano e in occasione del suo workshop alla Scuola Italiana di Comix, a Napoli. ]

6 commenti:

isabel archer ha detto...

come mi piacerebbe una dedica così!

simone rea ha detto...

Troviamo un modo per fartela avere!

Cristina Storti Gajani ha detto...

Se le dediche sono così belle non oso immaginare girando le pagine!
non l'ho ancora preso ma sarà mio quanto prima.

Piero ha detto...

Le più belle dediche che si siano mai viste: sembra che il topo non vedesse l'ora di avere compagnia!
Caro Simone, delle tue illustrazioni mi piace tutto, ma vedendo questi disegni estemporanei mi colpisce in particolare il tuo sorprendente istinto nel comporre le figure nello spazio del foglio, ritmare pieni e vuoti, bianco e colore: hai mai pensato di dedicarti anche alla musica?

simone rea ha detto...

CCC,
grazie mille, aspetto le tue sensazioni allora!

simone rea ha detto...

Ciao Piero,
sono lusingato per quello che leggo.
Ti ringrazio molto!

Per quanto riguarda la musica, in famiglia c'è già mio fratello, chitarra jazz. Basta lui;)
Io non ho pazienza. Ti dico la verità, ho seguito un corso di chitarra classica ma mi innervosiva..comunque ne ascolto tantissima.